Intrecci Etici: il documentario sullo slow fashion

Lucia Mauri e Lorenzo Malavolta di LUMA video, dopo essersi avvicinati allo slow fashion, hanno deciso di dare vita al progetto video Intrecci Etici per raccontare il movimento in Italia.

A volte le immagini parlano di più delle parole. Attraverso di esse ci immedesimiamo e comprendiamo la realtà. Per questo è nato Intrecci etici, il documentario che si pone l’obiettivo di far capire davvero cosa si cela dietro i nostri abiti e quanto ormai sia urgente un cambiamento nel settore dell’abbigliamento. L’obiettivo è quello di dare voce al movimento dello slow fashion e dimostrare come sia possibile fare scelte etiche e sostenibili nel campo della moda da introdurre nella quotidianità di tutti i giorni.

Abbiamo intervistato gli ideatori di questo progetto innovativo e virtuoso per capire più da vicino come si svilupperà la sua realizzazione:

Chi siete e come è nato il vostro progetto?
Noi siamo Lucia Mauri e Lorenzo Malavolta di LUMA video, un piccolo studio di produzione vicino a Milano.
Attraverso i video che realizziamo, raccontiamo le storie e le attività di persone, creativi, artigiani e aziende, comunicando la loro etica e i loro valori.
È già da alcuni mesi che abbiamo in mente l’idea di realizzare un progetto video che racconti il movimento dello slow fashion in Italia, perché noi stessi ci stiamo avvicinando a questo movimento diventando sempre più consapevoli in fatto di vestiti che acquistiamo o che riutilizziamo. Quando abbiamo visto sul sito di produzionidalbasso.com, che è una piattaforma di crowdfunding italiana, la possibilità di proporre la nostra idea di documentario e abbiamo scoperto che al raggiungimento del 50% del budget raccolto, saremmo stati finanziati per il restante 50% da Infinity Tv (Mediaset), abbiamo subito pensato che fosse l’occasione perfetta per poter finalmente realizzare Intrecci Etici

Chi siete e come è nato il vostro progetto?
Noi siamo Lucia Mauri e Lorenzo Malavolta di LUMA video, un piccolo studio di produzione vicino a Milano.
Attraverso i video che realizziamo, raccontiamo le storie e le attività di persone, creativi, artigiani e aziende, comunicando la loro etica e i loro valori.
È già da alcuni mesi che abbiamo in mente l’idea di realizzare un progetto video che racconti il movimento dello slow fashion in Italia, perché noi stessi ci stiamo avvicinando a questo movimento diventando sempre più consapevoli in fatto di vestiti che acquistiamo o che riutilizziamo. Quando abbiamo visto sul sito di produzionidalbasso.com, che è una piattaforma di crowdfunding italiana, la possibilità di proporre la nostra idea di documentario e abbiamo scoperto che al raggiungimento del 50% del budget raccolto, saremmo stati finanziati per il restante 50% da Infinity Tv (Mediaset), abbiamo subito pensato che fosse l’occasione perfetta per poter finalmente realizzare Intrecci Etici.

Da quale idea di moda sostenibile siete partiti?
Intrecci Etici è partito dall’idea che, come ci si sta ponendo delle domande in fatto di sostenibilità ambientale e cibo biologico o km0, sia importante ragionare e conoscere anche quello che indossiamo, argomento spesso tralasciato. Chi fa i nostri vestiti? Dove vengono confezionati? Che tessuti vengono utilizzati?

Cosa vi aspettate per il futuro?
Nel futuro più a breve termine, ci aspettiamo di poter raggiungere l’obiettivo di crowdfunding per poter aver la possibilità di produrre il documentario ma ancora di più di poterlo divulgare su una piattaforma nazionale come Infinity Tv e quindi renderlo accessibile a un pubblico maggiore che non conosce a fondo il tema dello slow fashion, ma è interessato ad approfondirlo. Più in generale, ci aspettiamo che la moda diventi un settore più trasparente, dove il lavoro, i materiali, i processi vengano comunicati al consumatore finale per sensibilizzarlo e non come opportunità di marketing. Inoltre, che le persone diventino sempre più consapevoli dei meccanismi che si celano dietro la produzione dei vestiti che acquistiamo ed indossiamo, così da fare scelte sempre più etiche sia nei confronti delle persone che del nostro pianeta. Sarà un processo lungo, ma noi siamo speranzosi!


Come invogliare il cambiamento verso una moda sostenibile?
Vogliamo farlo attraverso il nostro documentario Intrecci Etici, per dimostrare come sia possibile fare scelte etiche e sostenibili nel campo della moda, sia dal lato del consumatore che dal lato dei produttori. Secondo noi, molto spesso la moda sostenibile rischia di sembrare qualcosa di troppo lontano dalla nostra quotidianità e anche un po’ troppo complesso. Noi crediamo sia importante dimostrare e far capire alle persone che il cambiamento può avvenire giorno per giorno e ogni piccola scelta quotidiana può fare la differenza, dallo smettere di comprare fast fashion, al sostenere un piccolo artigiano che confeziona vestiti, al riutilizzare abiti di seconda mano.

Per maggiori informazioni e per sostenere il progetto ecco il link:

https://www.produzionidalbasso.com/project/intrecci-etici-la-rivoluzione-della-moda-sostenibile-in-italia/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *