Gonna seconda mano scambiata durante uno swap party


Ridare una seconda chance agli abiti per passare da un armadio fast a uno slow e contribuire al futuro della moda sostenibile.

Tempo di saldi, tempo di acquisti. Ma tutto quello che si compra si usa davvero? Secondo i dati il 40% di ciò che acquistiamo viene indossato solo poche volte. Oltre il 30% dei capi finisce nei rifiuti

Numeri che fanno riflettere. La domanda sorge spontanea, perchè buttare quando si può ri- adattare? Riesumare un vecchio abito evita che quest’ultimo finisca nell’immondizia  riducendo così la mole dei rifiuti. Permette di ridare valore a qualcosa di già esistente, dandogli così una seconda change. 

Riscoprire la bellezza di un capo dà pregio e unicità al guardaroba creando uno stile senza sprechi.  

La conservazione degli abiti rientra nel raggio d’azione della moda sostenibile. Se la sua prerogativa è quella di approcciarsi all’armadio in modo slow e attento al pianeta e alle persone, evitando i veloci e compulsivi acquisti dettati dalle catene del fast fashion, il riuso è uno dei suoi strumenti. Re-fashion, vintage, usato, riciclo sono le implicazioni di questa visione dove l’abito si svincola dal tempo, visto come oggetto da riscoprire e reinventare. Una logica che oltre a far bene al capo e a ridurre gli acquisti, permette di individuare soluzioni creative e originali. 

Se questa tendenza  nasce tra gli anni Sessanta e Settanta nel fermento delle contestazioni giovanili e dei movimenti hippy e punk, per i quali gli abiti usati diventano la divisa attraverso la quale esprimere il totale distacco dalla cultura imperante, oggi il trend del second-hand si afferma tra mercati, negozi ed eventi. Esempio sono gli swap party, momenti d’incontro dedicati dallo scambio di indumenti,  tra socializzazione e condivisione. 

Per coloro che si chiedono come passare da un armadio fast a uno slow, il riuso è un dei primo passi per muoversi verso questa trasformazione. Se scovando nel vostro guardaroba trovate un vecchio capo, prima di buttarlo, fermati a riflettere. Questo può essere riadattato? Con qualche piccolo accorgimento può avere ancora change? A volte basta osservare le cose da una prospettiva diversa per vederle in una nuova chiave di lettura che spesso è meglio di quella di partenza.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here